All’ Arrembaggio

All’ Arrembaggio è il gioco elettronico distribuito da Polistil nel 1981. L’indiscusso fascino delle avventurose storie di pirati, di tesori nascosti e di epiche battaglie navali hanno dato vita a un semplice passatempo. Pirati… all’arrembaggio! Corsari, bucanieri e filibustieri con la sciabola in mano assaltano il veliero per depredarlo delle sue ricchezze. L’equipaggio in preda al panico si rifugia sottocoperta, mentre l’eroico capitano sguaina la spada per affrontare da solo il bellicoso esercito. Il condottiero, senza un attimo di tregua, corre da una parte all’altra della nave per respingere l’arrembaggio dei pirati. Due i livelli di abilità: Game A, facile e Game B, difficile. La meccanica di gioco è identica, ma aumenta il numero e la velocità di movimento degli avversari.

SCHEDA
Azienda: VTL/Distribuito da Polistil
Nome: All’arrembaggio
Serie: Time & Fun
Modello: VG-45
Genere: Azione
Anno: 1981
Schermo: LCD
Orologio/Sveglia: Si
Categoria: Gioco Tascabile/Pocket Game
Alimentazione: Batteria Bottone 2xLr43
Dimensione/ Peso: 10 x 6 x 0,9 cm – 60g.

Punteggio

Ogni pirata eliminato vale 1 punto. Il record massimo è di 9.999 punti.

All’Arrembaggio fa parte della serie Time & Fun composta da altri sette titoli: L’Acchiappa Frittelle, Banana Sbang, El Condor Pasa, Il Cacciatore Cacciato, Il Cocco Rubato, La Grande Fuga e La Sonnambula. In tutti i modelli è presente nella parte frontale un’elegante mascherina di metallo, mentre i comandi sono formati da due o quattro pulsanti in base al tipo di gioco. Un’altra caratteristica è la piccola asta di metallo sul retro del gioco che consente di tenerlo in piedi su un piano di appoggio. Apprezzabile la presenza del cronometro, della data, ma solo per il giorno e il mese e del Time2 che consente di impostare un fuso orario. Il sistema audio accompagna l’evolversi dell’azione con brevi melodie e semplici effetti sonori. Il gioco elettronico, prodotto dall’azienda Vtech o VTL, è stato distribuito nel mercato italiano da Polistil con il nome di Schiacciapensieri.

© Riproduzione riservata