Tennis, simulatore sportivo

Tennis è il gioco elettronico realizzato da Sakitron nel 1983. Si tratta di un simulatore sportivo del tennis. Con l’uso dei due tasti è possibile controllare la direzione della palla, ma non la velocità che aumenta ogni volta che il giocatore di fondo campo controbatte. Il concorrente, dunque, non deve limitarsi in modo statico a respingere la sfera lanciata dall’avversario, ma assestare un colpo d’effetto per sorprendere l’antagonista e segnare un punto. Quattro i livelli di abilità. In pratica la difficoltà del gioco aumenta in proporzione al punteggio. Raggiunto il traguardo di cento punti, subentra un altro giocatore in ausilio dell’intelligenza artificiale. E’ possibile scegliere se affrontare in solitario il computer o sfidare un avversario. Tennis presenta un’interessante caratteristica: è stato progettato per consentire una gara fino a quattro giocatori. Utilizzando un apposito cavo di collegamento, infatti, possono partecipare più concorrenti, riuscendo perfino a simulare un incontro a doppio.

SCHEDA
Azienda: Sakitron
Nome: Tennis
Modello: TG-002
Genere: Sport
Anno: 1983
Schermo: LCD
Orologio: Si
Categoria: Gioco Tascabile/Pocket Game
Alimentazione: Batteria mini Stilo 1x AA
Dimensione/Peso: 12,3 x 7 x 1,3 cm-95gr

Punteggio

Segue le classiche regole del gioco. Inoltre, raggiunti i quattrocento punti, si vince un premio extra di cinquanta punti e una palla in più. Il traguardo di ottocento punti, ci permette di avere un giocatore al nostro fianco. Per vincere la partita, però, dobbiamo raggiungere l’ultimo livello di gioco. In pratica, occorre totalizzare 1.999 punti.

 

 

 

 

Tennis è un gioco sportivo elettrizzante. L’involucro esterno è realizzato in plastica e la parte frontale è decorata con una mascherina di metallo ad effetto specchio. Il sistema audio accompagna le singole azioni con brevi melodie e semplici effetti sonori. Degno di nota la presenza dell’orologio, ma manca la funzione sveglia. Un passatempo che riproduce in tutto e per tutto il grande tennis.

© Riproduzione riservata